Attenzione al gelicidio: la pioggia che si trasforma in ghiaccio è estremamente pericolosa per chi viaggia

02/03/2018

CONDIVIDI

La pioggia che al contatto con il suolo di trasforma in ghiaccio costituisce un pericolo sia per i pedoni che per chiunque si metta alla guida di qualsiasi mezzo

La grande paura, adesso, dopo le copiose nevicate, è quella relativa al gelicidio. La pioggia congelante è un fenomeno metereologico relativamente poco frequente. Gli automobilisti dovranno osservare la massima cautela per evitare pericolosi sbandamenti mentre si è in viaggio. Prudenza anche per i pedoni perchè il gelicidio è trasparente e spesso ci si accorge della sua presenza soltanto dopo rovinose cadute per terra. La pioggia che a contatto con il suolo si trasforma in gelo è estremamente pericolosa. Il fenomeno durerà fino alla mattinata di sabato 3 marzo e interesserà anche le arterie viarie canavesane. Negli ultimi due giorni il gelicidio ha particolarmente colpito le regioni del centro-nord causando incidenti stradali, la soprressione di cntinaia di convogli ferroviari, il blocco delle lineee ferroviarie locali e la chiusura delle scuole.

Il fenomeno del gelicidio è facilmente osservabile perchè si presenta come uno strato di ghiaccio trasparente, omogeneo, liscio e molto scivoloso, che avvolge arbusti, rami di alberi, erba e cavi elettrici in un involucro durissimo di acqua cristallizata, tanto trasparente da sembrare vetro. Essendo così scivoloso, questo tipo di ghiaccio risulta particolarmente pericoloso per la circolazione di automobili e pedoni, e ogni anno è la causa di numerosi incidenti stradali. Al gelicidio si possono imputare, come spiega la casistica disagi, come la rottura di cavi elettrici e telefonici o la caduta di rami dagli alberi. Ma quando si forma il gelicidio? Quando la pioggia, che rimane in forma liquida anche in presenza di temperature al di sotto dello zero, si solidifica istantaneamente a contatto con il suolo formando uno strato di ghiaccio trasparente e molto scivoloso.

Dov'è successo?

Leggi anche

30/05/2020

Coronavirus, il presidente della Regione: “Abbiamo i numeri per riaprire i confini il 3 giugno”

Ospite di Tgcom24 il presidente Alberto Cirio ha affermato che “il Piemonte ha i numeri in […]

leggi tutto...

30/05/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, sabato 30 maggio 7 decessi e 82 contagi. Il Covid-19 rimane tra noi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi sabato 30 maggio, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

30/05/2020

Chivasso, messaggio del sindaco Castello: “Abbiamo riaperto i mercati ma la prudenza è d’obbligo”

Pubblichiamo il messaggio che il sindaco di Chivasso Claudio Castello rivolge ai cittadini dove si fa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy