Asl TO4, ecco il manager che limiterà le lunghissime liste d’attesa per gli esami

Canavese

/

16/08/2015

CONDIVIDI

Due le variabili che alimentano il fenomeno: l'invecchiamento della popolazione e le eccessive prescrizioni di esami che spesso non hanno reale utilità clinica

Quella dei tempi di attesa per le prestazioni specialistiche e ambulatoriali è una piaga che da anni affligge anche il sistema sanitario canavesano. Mesi e mesi per poter effettuare una visita oculistica o pneumologica (sono le specialità che presentano liste di attesa decisamente più lunghe). Ma da adesso cambieranno la filosofia e l’approccio con un problema che si è rivelato di difficile risoluzione.

L’istituzione di una nuova figura come quella del “manager dei tempi d’attesa” dovrebbe individuare, come sottolinea il direttore generale dell’Asl TO4 Lorenzo Ardissone, risposte coerenti per limitare il fenomeno.

A ricoprire questo incarico è stata chiamata la dottoressa Eva Anselmo, già dirigente medico del distretto di Cuorgnè. Non a caso i vertici dell’azienda sanitaria hanno scelto una giovane professionista che, a giudizio del direttore generale, possiede la capacità di considerare in un’ottica integrata i problemi.

Si tratta di una scelta obbligata, anche se ogni azienda sanitaria regionale, ha facoltà di scegliere la soluzione che preferisce: l’obiettivo imposto dall’Assessorato alla Sanità è imperative: le liste d’attesa vanno ridotte. L’analisi compiuta dall’Asl evidenzia come il probema sia determinato, oltre che dalla carenza di specialisti nelle varie discipline sanitarie, dall’invecchiamento della popolazione e dalle indiscriminate prescrizioni mediche riguardanti esami che non hanno un effettivo valore clinico.

Compito del manger di tempi d’attesa sarà quello di monitorare attentamente la situzione delle liste d’attesa e adottare gli accorgimenti necessari per limitare il fenomeno.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Francesco al Campo

/

10/12/2017

San Francesco al Campo: ritrovate vuote le casseforti rubate che contenevano le pistole della polizia locale

Le ricerche dei carabinieri hanno dato i loro frutti: le due casseforti blindate che nei giorni […]

leggi tutto...

Castellamonte

/

10/12/2017

Castellamonte: le poesie della cuorgnatese Rosanna Frattaruolo aiuteranno i bimbi vittime di violenza

Nella serata di giovedì 7 dicembre presso la sala congressi Pietro Martinetti di Castellamonte, è stata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

10/12/2017

Cuorgnè: la sezione marinai ha commemorato sotto la neve i caduti periti sulle navi da guerra

Anche quest’anno la sezione cittadina dei Marinai di Cuorgnè ha voluto onorare i propri caduti: forse […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy