Appalto sospetto: la procura ha chiesto il rinvio a giudizio per Mascheroni, Maddio e Maggiotti

Castellamonte

/

11/07/2017

CONDIVIDI

Nel mirino dei magistrati lavori di asfaltatura eseguiti tra il 2013 e il 2014. L'accusa è di falso ideologico e turbativa d'asta

Nel mirino della procura di Ivrea era finito, due anni fa, un appalto considerato sospetto relativo all’asfaltatura delle strade di Castellamonte; adesso, dopo due anni di indagini, il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando ha chiesto il rinvio a giudizio per tre delle cinque persone indagate con l’accusa di turbativa d’asta e falso ideologico. Il rinvio a giudizio è stato chiesto per l’ex sindaco di Castellamonte Paolo Mascheroni, Giovanni Maddio ex vicesindaco e che alle ultime elezioni comunali è finito in minoranza e l’ex responsabile (da pochi giorni in pensione) dell’Ufficio Tecnico Comune Aldo Maggiotti.

La procura eporediese ha chiesto al Giudice per le Indagini Preliminari l’archiviazione della posizione di altri due indagati: l’ex assessore Roberta Bersano (oggi vicesindaco nella giunta Mazza) e di Maurilio Savoia Carlevato che era candidato nella lista di Giovanni Maddio alle scorse elezioni comunali. L’inchiesta sarebbe giunta a una svolta: due anni fa , nel mese di giugno, i carabinieri sequestrarono negli uffici comunali numerosi faldoni legati a quell’appalto che fu bandito nel 2015 ma che in realtà era stato affidato senza indire una gara d’appalto.

Le opere furono eseguite tra il 2013 e il 2014. Stando a quanto sostiene la pubblica accusa con l’indizione del bando l’amministrazione avrebbe cercato di rimediare al reato commesso. Il prossimo lunedì 0 ottobre avrà luogo l’udienza preliminare al cospetto del Gip del tribunale di Ivrea.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/06/2018

Balangero: furgone finisce sui binari della Torino-Ceres a causa di un incidente. Traffico in tilt

Ancora una giornata di passione per i passeggeri che urilizzano la tratta ferroviaria Torino-Ceres gestita dal […]

leggi tutto...

21/06/2018

Mappano: facevano i “kebabbari” con l’energia elettrica rubata. In manette due ambulanti egiziani

Preparavano e vendevano kebab utilizzando energia elettrica rubata: in manette con l’accusa di furto aggravato sono […]

leggi tutto...

21/06/2018

Rivarolo: in scena “Radici Violate. Ricomincio da me”, dialogo musicale sul dramma del carcere

Venerdì 22 giugno ore 21.30 cortile del Castello Malgrà lo scrittore Giuseppe Catalano e il Liceo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy