Appalto sospetto a Castellamonte: chiesta la condanna per Mascheroni, Maddio e Maggiotti

Castellamonte

/

06/10/2018

CONDIVIDI

Nel 2013 l'amministrazione spese 88 mila euro per la riasfaltura delle strade e l'appalto fu indetto al termine dei lavori

Una condanna ad un anno e otto mesi. E’ la richiesta che il pubblico ministero Roberta Bianco ha formulato in tribunale di Ivrea contro l’ex sindaco, l’ex vicesindaco ed l’ex responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Castellamonte. A processo per falso ideologico in atto pubblico, infatti, sono finiti per una vicenda del 2013 l’allora sindaco Paolo Mascheroni, il suo vice Giovanni Maddio e il tecnico comunale Aldo Maggiotti.

I tre imputati sono finiti alla sbarra per aver indetto una gara d’appalto di 88 mila euro quando ormai i lavori erano stati eseguiti. A coordinare le indagini relative a alla vicenda è stato il procuratore capo Giuseppe Ferrando.

Due le posizioni stralciate nel corso del processo penale; quella dell’allora assessore Roberta Bersano che alle ultime elezioni si è candidata tra le fila dell’attuale amministrazione e dell’imprenditore Maurilio Savoia Carlevato, l’imprenditore che ha eseguito i lavori e che era candidato nella lista capitanata da Giovanni Maddio.

Mercoledì 31 ottobre, in tribunale a Ivrea dovrebbe essere pronunciata la sentenza.

Dov'è successo?

Leggi anche

Favria

/

16/12/2018

Affollata apericena natalizia del Tennis Club di Favria per il tradizionale scambio di auguri

Hanno chiuso in bellezza una stagione sportiva caratterizzata da grandi tornei e appassionanti sfide con una […]

leggi tutto...

Ciriè

/

16/12/2018

Natale nel reparto di Pediatria a Ciriè: i carabinieri consegnano i pacchi dono ai bambini

Per i piccoli degenti del reparto di pediatria dell’ospedale di Ciriè Babbo Natale veste la divisa […]

leggi tutto...

Ceresole Reale

/

16/12/2018

Giro d’Italia: monta la polemica sulla tappa al Serrù. Legambiente: “Così si danneggiano gli animali”

Legambiente non ha dubbi “Gli animali vengono prima di tutto”. E si rinfocola il rovente dibattitto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy