Alpette: riapre i battenti dopo 15 anni l’ex Albergo Sita, oggi ridenominato “Spazio Gran Paradiso”

Alpette

/

30/06/2016

CONDIVIDI

La riqualificazione è costata un milione e 400 mila euro, quasi interamente finanziata con fondi pubblici

Ha riaperto i battenti ad Alpette, dopo 15 anni di forzata chiusura, l’ex Albergo Sita, costruito nel 1961 grazie all’interessamento di alcune famiglie di partigiani. Adesso si chiama “Spazio Gran Paradiso” ed è stata trasformata in una casa per ferie. Una quindicina di camere in tutto in grado di ospitare venticinque persone e un ristorante di ottanta coperti. La gestione è affidata alla cooperativa denominata “Così Geniale”. Natale Primiceri, presidente della società cooperativa spiega che la riapertura della casa alpina rappresenta una sfida dato che il Canavese offre notevoli opportunità dal punto di vista turistico ma che è poco conosciuto. La ristrutturazione della casa alpina è stata effettuata al 97% con fondi interamente pubblici e  all’arredamento ha pensato la cooperativa.

Il connubio tra pubblico e privato, conferma il sindaco di Alpette Silvio Varetto, è un bell’esempio di collaborazione che un unico obiettivo: la promozione del territorio montano. L’albergo venne costruito nel 1961 da una cooperativa della quale facevano parte alcune famiglie di partigiani residenti nel territorio e legate politicamente all’ex Partito Comunista. La struttura turistica venne chiusa nel 2000 e riacquistata dal comune, allora guidato da Marino Ceretto Castigliano con i fondi provenienti dalla cessione all’Enel della linea elettrica di proprietà comunale.

La riqualificazione è costata 1 milione e 400 mila euro, 70mila dei quali stanziati dalla cooperativa energetica Aeg di Ivrea.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy