Albiano, i ladri rubano in un appartamento. Vengono bloccati dai carabinieri ma fuggono a piedi nei boschi

Albiano

/

02/11/2015

CONDIVIDI

Gli uomini dell'arma sono stati ad un passo dall'arrestare i malviventi. Sul Doblò hanno trovato un piccolo arsenale. S'indaga

Il piano doveva essere perfetto, curato in ogni dettaglio. E in parte così è stato. I ladri hanno portato a termine un furto in un appartamento di Albiano. La tecnica è quella classica adottata dalla “banda del buco”: hanno praticato un foro nel muro con l’ausilio di un flessibile, sono entrati nell’appartamento, hanno aperto la cassaforte e hanno arraffato alcune migliaia di euro. Compiuto il “colpo” si sono allontanati a tutta velocità a bordo di un Fiat Doblò.

Ma anche i piani perfetti devono fare i conti con qualche imprevisto. I ladri confidavano che a quell’ora le strade fossero deserte, ma non avevano fatto i conti con un cittadino che, insospettito, ha avuto la prontezza di annotare il numero di targa dell’automezzo e di avvisare i carabinieri della stazione di Azeglio. Gli uomini dell’Arma hanno immediatamente disposto alcuni posti di blocco in tutta la zona.

Una pattuglia è riuscita a intercettare il furgone. Ha intimato l’alt ma i ladri hanno forzato il posto di blocco a tutta velocità. Ne è scaturito un inseguimento e, alla fine, i militari sono riusciti a bloccare i malviventi a Piverone. I ladri non hanno avuto esitazioni; sono scesi rapidamente dall’automezzo e si sono dileguati a piedi nei boschi circostanti.

Il Fiat Doblo è risultato rubato a Valperga lo scorso primo settembre e, durante un’accurata perquisizione i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato il flessibile usato per entrare nell’appartamento derubato, attrezzai vari per l’edilizia, tre carabine di diverso calibro, un fucile da caccia, tre caricatori vuoti 7,65, duecento proiettili, un telescopio da fucile e un silenziatore. Non si esclude l’ipotesi che il piccolo arsenale sia frutto di precedenti furti.

I carabinieri indagano attivamente per risalire all’identità dei malviventi e per cercare di stabilire se le armi dovevano servire a qualche altro scopo. La segnalazione del cittadino si è rivelata di fondamentale importanza.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/06/2018

Al castello di San Giorgio la terza edizione di Expoelette, il Forum dove le donne sono protagoniste

E’ giunta alla terza edizione il Forum Expoelette che sarà nuovamente ospitato nella suggestiva cornice dello […]

leggi tutto...

18/06/2018

Canavese: tranciati in un cantiere i cavi della “fibra” e i servizi sanitari dell’Asl T04 vanno in tilt

Oggi, lunedì 18 giugno, verso le ore 8,00, i lavori di un cantiere della Città di […]

leggi tutto...

18/06/2018

Dramma a Leinì: esce di strada per un malore e finisce con l’auto nel fossato. Muore un 68enne

Il malore, improvviso e inesorabile, lo ha stroncato mentre si trovava alla guida della propria Fiat […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy