Agliè: dal primo maggio chiude la filiale Unicredit, unico sportello bancario presente in paese

13/04/2018

CONDIVIDI

La soppressione dello sporetello bancario penalizza coloro che non usano l'home banking e anche le migliai di turisti che usano il bancomat. Il sindaco Marco Succio ha chiesto all'Istituto di rivedere la decisione

Un altro comune che rimarrà senza banca a causa dei tagli determinati dalla spending review aziendale: dal primo maggio anche ad Agliè chiuderà la filiale Unicredit, l’unico sportello bancario presente in paese. La decisione è stata ufficialmente comunicata all’amministrazione comunale dalla direzione genrale del colosso bancario: la notizia ha suscitato le proteste dei residenti e ha indotto il sindaco Marco Succio a prendere carta e penna per chiedere alla direzione Unicredit di rivedere la propria posizione e di tenere conto del grande disagio che la soppressione della filiale bancaria causera alla popolazione, soprattutto a quella anziana.

E’ vero che il massiccio uso dell’informatizzazione stanno radicalmente evolvendo verso sistemi immateriali – sottolinea il primo cittadino – ma è altrettanto vero che nei piuccoli paesi sono presenti numerose persone che per questioni prettamente anagrafiche, ma non solo, hanno nel sistemna tradizionale l’unico accesso al sistema bancario. E’ il casi delkle tante persone, non necessariamente di una certà, che non usano l’home banking per effettuare operazioni e bonifici.

“Capisco il mercato spietato e la necessità sempre più impellente di ‘far tornare dei numeri’, tuttavia penso che una gestione etica di una qualsiasi forma di attività economica non possa prescindere dal tenere in considerazione le esigenze della propria clientela locale – dichiara Marco Succio -, senza contare le esigenze di migliaia di persone che ogni anno frequentano il nostro paese come turisti, usufruendo del servizio di sportello bancomat. Pertanto, comunico ufficialmente di aver immediatamente preso posizione scrivendo a Unicredit, chiedendo di rivedere una decisione che, in qualità di Sindaco del Comune di #Agliè, per i motivi sopra sinteticamente esposti ritengo non condivisibile”.

Il dado è tratto: l’amministrazione comunale rimane in attesa di ulteriori comunicazioni da parte dell’istituto bancario con la speranza, per dirle come un antico adagio, che si possa trovare una soluzione che salvi la capra del padrone e i cavoli dei contadini.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/08/2019

Vestignè: esce dal cortile va in strada e viene travolto da un’auto. Bimbo di 5 anni grave in ospedale

Travolto da una Fiat Punto mentre si trovava sulla strada: un bambino di cinque anni di […]

leggi tutto...

17/08/2019

La vergogna del “Ponte Preti”: dopo tante promesse di interventi tutto è come prima

E’ trascorso un anno da quando il senatore castellamontese Eugenio Bozzello indisse una raccolta di firme […]

leggi tutto...

17/08/2019

Scatta l’allarme al canile di Caluso per sedici cani ammalati di leptospirosi. Due sono deceduti

Tra i 32 cani provenienti da un’azienda agricola della Val di Chy, alcuni erano affetti da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy