Elezioni, Alberto Cirio stacca di netto Sergio Chiamparino e governa la Regione Piemonte

Torino

/

27/05/2019

CONDIVIDI

Questa sonora sconfitta potrebbe convincere il leader del centrosinistra a dare l'addio alla politica. Il nuovo presidente: "Il Piemonte ha bisogno di ripartire. Oggi è la regione del Nord Italia che cresce di meno. Il nostro motto era un'altra velocità per il Piemonte e saremo veloci a metterci al lavoro"

Alberto Cirio, imprenditore di 47 anni, candidato del centrodestra, è il nuovo presidente della Regione Piemonte con il 49% dei suffragi. Il risultato che il candidato del centrostrada ha ottenuto è ancora superiore a quello tratteggiato dagli exit poll. I grandi sconfitti di queste elezioni regionali sono il centrosinistra e Sergio Chiamparino, il presidente uscente. Un voto chiaro. Netto. Che boccia sonoram ente l’ultimo quinquennio gestito dal centrosinistra. Una sconfitta così bruciante che potrebbe convincere Chiamaparino a dire addio alla politica.

“Mi son sentito di combattere questa ultima battaglia e l’ho persa. Non credo di aver più molto da dire. Quando si perde è sempre il comandante dell’esercito che si assume la responsabilità – ha dichiarato a caldo, non appena è apparso chiaro che la vittoria dell’avversario era cosa fatta -. Quando sarà insediato il Consiglio, valuterò le modalità con cui lasciare il seggio in modo che si trovino soluzioni che aiutino a portare energia nuova”.

Nella vittoria del centrodestra Alberto Cirio ha sempre creduto fin dall’ufficializzazione della sua candidatura. “Mi metterò subito a lavorare, il Piemonte ha bisogno di ripartire. Oggi è la regione del Nord Italia che cresce di meno, è quella che ha purtroppo ancora i tassi di disoccupazione più elevati – ha commentato -. Il nostro motto era un’altra velocità per il Piemonte e saremo veloci a metterci al lavoro. Abbiamo bisogno di fare subito tanto lavoro con una squadra fresca e dinamica con tanta energia”.

Il Piemonte, dopo l’Abruzzo, la Sardegna e la Basilicata è la quarta regione che il centrodestra “strappa” al centrosinistra. Non c’è dubbio che la “volata” della Lega Salvini abbia consentito ad Alberto Cirio di ottenere un risultato così palesemente clamoroso. E quando il quadro dei risultati ha iniziato a delinearsi, Sergio Chiamparino ha preso il telefono e si è congratulato con il suo avversario.

Questa tornata elettorale ha segnato un’altra grande sconfitta: quella subita dal M5S guidato dal consigliere regionale Giorgio Bertola che si attesta al 13% dei suffragi: un risultato che è ben lontano 20,34 registrato nel 2014.

Nato ad Alba nel 1972, il presidente Alberto Cirio si è laureato in Giurisprudenza e ha iniziato l’ascesa politica candidandosi come consigliere comunale della Lega Nord ad Alba. Nel 2004 è passato a Forza Italia, la stessa forza politica che lo ha candidato.

Nel periodo tra il 2010 e il 2014 è stato assessore al Turismo, Istruzione e Sport alla Regione Piemonte sotto la presidenza Cota. Nel 2014 è stato eletto al Parlamento Europeo sempre tra le fila di Forza Italia.

Leggi anche

19/10/2019

Tragico incidente stradale sull’ex statale 460 tra Leinì e Lombardore: due morti e quattro feriti

Due morti e quattro feriti: è il tragico bilancio di un terribile incidente stradale che ha […]

leggi tutto...

19/10/2019

Ivrea, detenuto 35enne tenta di impiccarsi in cella. Salvato in extremis dalla polizia penitenziaria

Un detenuto italiano di origini sudafricane, 35enne, in carcere per omicidio, condannato all’ergastolo (ergastolo), mentre si […]

leggi tutto...

19/10/2019

Il presidente della Regione Alberto Cirio visita le eccellenze imprenditoriali del territorio canavesano

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio si è recato nella mattinata di giovedì 17 ottobre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy