Ciriè: commerciante falsificava le marche da bollo per partecipare alle fiere. Denunciato

04/05/2018

CONDIVIDI

La Guardia di Finanza ha accertato che il trucco, oltre a preservare l’integrità del valore bollato originale, consentiva al maldestro agricoltore di aggirare l’assolvimento della tassa al solo scopo di risparmiare alcune centinaia di euro

E’ stato l’occhio attento di un dipendente del Comune di Ciriè a far avviare le indagini della Guardia di Finanza. A finire nei guai un commerciante agricolo di San Carlo Canavese che, con l’ausilio di un computer, scannerizzava la marca da bollo e, riutilizzandola piu volte, inoltrava le domande di partecipazione alle fiere organizzate nei comuni del ciriacese. Il commerciante, approfittando della procedura semplificata per richiedere la partecipazione alle fiere, provvedeva all’invio tramite posta elettronica delle istanze, apponendo però ogni volta la stessa marca da bollo, che ogni volta veniva annullata a penna indicando una data diversa.

Ad essere “annullata” era solo la copia scannerizzata della marca da bollo originale, che veniva utilizzata in ognuna delle occasioni nelle quali il venditore ambulante intendeva prendere parte alle fiere.

Il dipendente comunale non si è lasciato ingannare dalla solo apparente regolarità dei documenti ed ha segnalato il fatto all’Agenzia delle Entrate di Ciriè che, a sua volta, ha notiziato la Procura della Repubblica di Ivrea.

I magistrati eporediesi hanno quindi incaricato i militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Lanzo di svolgere indagini più approfondite. Durante gli accertamenti compiuti dalle Fiamme Gialle, nel corso dei quali sono state acquisiti tutti i documenti inviati dal commerciante allo sportello attività produttive del Comune di Ciriè, è emerso che non solo tutte le istanze riportavano la stessa identica marca da bollo con lo stesso numero seriale ma anche che le stesse venivano effettivamente annullate apponendo la data di utilizzo solo successivamente alla stampa del documento.

Il trucco, oltre a preservare l’integrità del valore bollato originale, consentiva al maldestro agricoltore di aggirare l’assolvimento della tassa al solo scopo di risparmiare alcune centinaia di euro.

L’Agenzia delle Entrate, da parte sua, ha già notificato al commerciante l’atto finalizzato al recupero del dovuto. La posizione dell’ambulante è ora al vaglio della Procura della Repubblica di Ivrea, alla quale i finanzieri lo hanno denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato.

Dov'è successo?

Leggi anche

Chivasso

/

16/07/2018

Chivasso: drammatico incidente sulla statale 26 della Val d’Aosta. Tre i feriti. Grave donna di Ivrea

Drammatico incidente alle porte di Chivasso, sulla statale 26 della Valle d’Aosta in direzione di Caluso, […]

leggi tutto...

Chivasso

/

16/07/2018

Chivasso: ambulatori specialistici nell’area ristrutturata del vecchio pronto soccorso dell’ospedale

Nell’area dove si trovava la sede provvisoria del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Chivasso per consentire i […]

leggi tutto...

Leinì

/

16/07/2018

Omicidio a Leinì: uccide a martellate l’anziana suocera. 71enne in carcere in attesa del processo

Che con la suocera ci fossero delle tensioni e vecchie ruggini lo ha ammesso, ma anche […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy