Chivasso, le fiamme devastano gli uffici dell’Asl To4 in via Po. Si tratta di incendio doloso?

Chivasso

/

16/08/2017

CONDIVIDI

I pompieri hanno dovuto lavorare per ore prima di avere ragione del rogo. L'ipotesi più accreditata è quella di un corto circuito

Hanno dovuto lavorare per alcune ore i vigili del fuoco prima di riuscire a domare l’incendio che è divampato nella sede dell’Asl To4 di Chivasso in via Po 3: le fiamme si sono levate nella mattinata di marcoledì 16 agosto al primo piano dell’edificio che ospita gli uffici amministrativi dell’azienda sanitaria locale.

A dare l’allarme sono stagti alcuni residenti quando si sono accorti della colonna di fumo causato dall’inizio di incendio. Dopo alcune ore di intenso lavoro i vigili del fuoco del distaccamento di Chivasso hanno avuto ragione dell’incendio. Si sta procedendo alla messa in sicurezza dello stabile e i tecnici, insieme ai carabinieri della Compagnia di Chivasso, stanno indagando per risalire alle cause che hanno innescato il rogo.

I danni sono ancora da quantificare e e i tecnici comunali stanno valutando i danni subiti dalla struttura. Le fiamme hanno devastato diversi uffici. Il sindaco di Chivasso Claudio Castello deciderà, sulla base dei risultati emersi nella relazione dei vigili del fuoco, pefr valutare se l’edificio è agibile e o meno. L’ipotesi pià accreditata, al momento, è quella del corto circuito, ma non si tralascia nessuna pista.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/01/2019

Dramma a Usseglio: bimba di 10 anni cade mentre scia. E’ in rianimazione al “Regina Margherita”

Un altro grave in cidente su una pista da sci: una bambina di 10 anni è […]

leggi tutto...

Caselle

/

17/01/2019

Aeroporto di Caselle: mancano all’appello 20 rotte aeree. Fly Torino: “Si rischia un’estate di crisi”

Il rischio è concreto: la prossima estate potrebbe rivelarsi come qualla più infausta degli ultimi anni […]

leggi tutto...

Ivrea

/

17/01/2019

Costrinse la figlia ad assistere ai rapporti sessuali avuti con l’amante. A processo un 57enne

Avrebbe costretto la figlia ad assistere ai rapporti sessuali consumati con l’amante: a processo è finito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy