Panico a Pont: uomo porta una bomba in municipio. Gli artificieri fanno brillare il presunto ordigno

Pont Canavese

/

12/07/2017

CONDIVIDI

L'ordigno non era tale ma per precauzione è stato collocato nel cortile della scuola ed è stato fatto esplodere

Aveva trovato la presunta bomba, un residuato bellico risalente alla seconda guerra mondiale e non ha trovato di meglio che portarlo in municipio causando non poco sconcerto. E’ accaduto a Pont Canavese nel pomeriggio di ieri, martedì 11 luglio: un uomo ha ritrovato in un prato adiacente all’area comunale destinata alla sosta dei camper l’ordigno e non sapendo come comportarsi ha pensato bene di portarlo negli uffici della polizia municipale.

Non c’è voluto molto per rendersi conto che l’oggetto non era affatto pericoloso. In ogni caso nella mattinata di oggi, mercoledì 12 luglio, gli artificieri dell’Arma dei Carabinieri avvisati dal sindaco Paolo Coppo come prevedono le procedure legate al rinvenimento di materiale bellico, hanno fatto esplodere il manufatto in alluminio.

Quando è scattato l’allarme, nel pomeriggio di ieri, gli artificieri hanno collocato per precauzione il presunto ordigno nel cortile della scuola elementare e lo hanno fatto brillare. La bomba in realtà non era una bomba ma, nel dubbio, si è preferito optare per la sua distruzione.

(Immagine di repertorio)

Dov'è successo?

Leggi anche

Chivasso

/

19/09/2017

Chivasso: ladro cerca di introdursi di sera nella casa di riposo per rubare e finisce in galera

E’ stato arrestato con l’accusa di tentato furto e resistenza dopo aver tentato di introdursi con […]

leggi tutto...

Balangero

/

19/09/2017

Balangero: beve e minaccia la vicina di casa con il fucile. Un 63enne è stato arrestato dai carabinieri

E’ stato arrestato con l’accusa di minacce aggravate e detenzione di armi clandestine e munizioni: nei […]

leggi tutto...

19/09/2017

Sanità: l’Asl To4 contatterà e rassicurerà i pazienti ai quali sono state impiantate le protesi Ceraver

Diversi professionisti si trovano agi arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria relativa a quello che è stato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy