Canavese, nota società pubblicitaria evade oltre sette milioni di euro. Denunciati i titolari

Ciriè

/

19/01/2017

CONDIVIDI

Oneri indeducibili per oltre 7 milioni di euro e Iva non versata per 1,5 milioni. Tramite una ventina di società il costo dei servizi veniva gonfiato a dismisura. Le indagini della Guardia di Finanza proseguono serrate

La società pubblicitaria canavesana era considerata un vero modello di business: un volume di affari più che rispettabile e un’attività all’apparenza ineccepibile. Ma, stranamente, dichiarava ricavi troppo bassi e nessun dipendente. La cosa ha insospettito gli agenti della Guardia di Finanza di Torino e della Tenenza di Lanzo che hanno svelato una maxi truffa fiscale da ben 7 milioni di euro. I responsabili della società sono stati denunciati alla Procura della Repubblica.

Le indagini condotte dal Nucleo Tributario della Guardia di Finanza hanno consentito di appurare come la frode sia stata consumata grazie ad un meccanismo molto complesso basato sull’attività di una ventina di società estere ed italiane riconducibili ad un uomo, residente a Londra, compagno di vita della titolare dell’azienda. Le società contribuivano a far gonfiare a dismisura i costi dei servizi. In questo modo la società canavesana, a giudizio dei finanzieri, a dispetto dell’elevato volume di affari, dichiarava redditi per l’attività svolta ritenuti irrisori.

Il meccanismo era oliato alla perfezione: le società fittizie implicate nella truffa, a un certo punto sparivano improvvisamente oppure compensavano i ricavi con perdite fasulle. In questo modo a rimetterci erano i cittadini ai quali erano sottratte risorse economiche destinate ai servizi pubblici. La truffa era più che consistente: al termine della verifica gli agenti della Guardia di Finanza, hanno scoperto oneri indeducibili per oltre 7 milioni di euro e 1,5 milioni di Iva indebitamente detratta. Oltre a questo i titolari avevano fatto sparire i file compromettenti relativi alla frode fiscale, ma si sono dimenticati di fare altrettanto con gli stampati cartacei, che invece erano utilizzati come carta da riciclo all’interno dell’azienda.

Il responsabile dei reati fiscali commessi è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ivrea. Le indagini proseguono serrate per individuare ulteriori complice della maxi truffa: è probabile che si proceda a sequestrate i loro beni a titolo di risarcimento per il danno erariale causato allo Stato.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/06/2020

Coronavirus: durante l’emergenza pestilenziale boom delle truffe ai danni di indifesi anziani

Nelle ultime settimane, con l’inizio della Fase 2 legata all’emergenza sanitaria Covid-19, è ripreso il fenomeno […]

leggi tutto...

03/06/2020

Coronavirus in Piemonte: drastico calo dei nuovi contagi. Leggero aumento dei decessi in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, mercoledì 3 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

03/06/2020

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy